The Peerage of Sicily (English)

Written by Guy Stair Sainty   

The house of peers of Sicily was conceived by the anglicized government of the kingdom during the dictatorship of Lord William Bentinck. Although based on the similar British institution, its historical origin was the ancient Norman assembly of notables established at the foundation of the Kingdom.  The history of the Sicilian parliament has been discussed elsewhere and this essay is primarily concerned with the house of peers established by the constitution of May 23rd, 1813.

This constitution had been drawn up by the feudal Sicilian par¬liament and, in addition to providing for a house of deputies of one hundred and fifty-five members, it established a house of peers with one hundred and twenty-four noblemen (representing the heirs of feudal titles) and sixty one clerics and their succes¬sors in their benefices.

The constitution of February 10th, 1848, provided for the re-introduction of the house of peers and, on reassembling, this new chamber made certain amendments to the structure. It excluded all holders of peerages who were not Sicilians (thus excluding peerages held by Neapolitans) and, after declaring these peerages vacant, made them provisionally elective with life appointees nominated by the Chamber. Subsequently, by the constitutional statute of July 10th, 1848, it declared itself abolished and was replaced by a Senate, to which holders of peerages could be "elected" provided they had signed the declaration of April 13th, 1848, deposing Ferdinand II.

The peerages were attached to the titles (listed below), which passed by male primogeniture until the extinction of the male line, when they passed to the male heir of the nearest female heiress (ladies could not sit in the Chamber). Certain modern scholars consider that one of the peerages (the princely title of Castelnuovo), was not validly constituted since it was not a feudal but an allodial estate.  Precedence was determined first of all by the date of the peerage (the same for all but one peerage), secondly by rank (Prince, Duke, Marquess, Count, Baron), and thirdly by the date of creation of the title.

The reforms of nobiliary law introduced since Italian unification have modified the succession of Sicilian titles and inheritance, which require the authorization of the Italian Crown to pass to females. Furthermore, there ceased to be any distinction between titles of feudal origin and other titles, while the dignity of peer of Sicily carried no privileges under the new regime. The Chamber of Peers was replaced by a Senate, with its seat eventually situated in Rome. The Italian Republic does not recognize any noble titles or privileges formerly attached to such titles.

The succession to Sicilian titles has been further complicated by the regulation of noble succession in Spain, where it is possible to "rehabilitate" a dormant title that was created by a king of Spain in his capacity as Sovereign in Italy. Furthermore, it has been possible to obtain recognition of the right to use a foreign title in Spain, and until 1968 this included titles created by the Bourbon kings of the Two Sicilies. Although the Spanish authorities look to the original patents creating these titles, they do not take into consideration the changes introduced since 1860; thus, it is possible for there to be two claimants to the same title, one Italian and one Spanish, both authorized to use it.  An example of this is the title of Marchese di Capizzi (see below), in¬herited legally in Italy by don Benedetto Paternò Castello, but authorization for the use of which has been petitioned by the Condesa de Gibacoa.

PEERAGES BY ORDER OF PRECEDENCE

Where peerages have passed through the female line by authorization of the king of Italy, such deviation has been acknowledged here, even when the title has been diverted from the heirs male of the original grantee of the peerage. In the list below we have given the name and (where possible), the birth date of the holder under the law of the Kingdom of Italy. If there is an heir (or heiress) whose right to succeed has not been acknowledged or authorized in Italian law their name is given in parentheses [ ]. When the original terms of the creation have been complicated by a subsequent extension of the original grant by the king of Italy, it is possible that there may be more than one such claimant whose right remains to be adjudicated; if known, such potential heirs' names are also given in parentheses.  When such a person has had permission from the Spanish authorities to use the title to which the peerage was attached, their name is indicated with an *; when they have petitioned for such use (and provided there does not appear to be any other identifiable claimant under Italian law), their name is indicated with two**, even if their claim is made under Spanish rather than Italian succession law; when they are claiming a title already authorized in Italy, or which could be legitimately claimed under Italian nobiliary law by another, their name is indicated with three ***.

If a holder of a Sicilian peerage is generally known under another title, that title is given along with the name. Where a title appears to have become extinct, the family name or full name of the last known holder of the peerage is given, even if that person was a female. With most of the extinct titles, it is almost certain that an heir by inheritance through the female line (or by virtue of an earlier investiture according to pre-1860 succession law) does exist; however, tracing such an heir is not within the scope of this essay. Where the peerage is combined with another, the senior title is given. Under the 1813 Constitution a holder of multiple peerages could enjoy a corresponding number of votes; by the reforms of 1848 the junior peerages were declared provisionally elective and a life nominee was appointed.

I PARI DI 23 MAGGIO 1813

The name and rank of the title to which the peerage was attached is underlined; the date of birth of the present heir, if known, is given immediately following the name.

Principe di Butera don Giuseppe Lanza Branciforte n.1932.
Principe di Castelvetrano Principe don Giuseppe Tagliavia-Aragona-Pignatelli Cortes, Principe di Noia, Duca di Terranova, n. 1931.
Principe di Paternò don Pietro Moncada (d'Aragona), n.1920.
Principe di Castelbuono ? estinto (circa 1920) con donna Giovanna Ventimiglia, Principessa di Buonriposa, figlia di don Francesco Ventimiglia e sorella ed erede di donna Corrada Ventimiglia, moglie di Pietro Mancuso.
Principe di Trabia  il Principe di Butera
Principe di Castiglione Principe don Filippo Rospigliosi, n.1942.
Principe di Villafranca Principe don Francesco Alliata, n.1919.
Principe di Paceco [don Luigi Costa Sanseverino, Principe di Bisignano, n.1940].
Principe di Roccafiorita ? estinto con don Antonino Bonanno, Principe di Cattolica, m.1916. [Erede del linea ultragenito don Eduardo Bonanno, dei principi di Cattolica]
Principe di Scaletta Principe don Sigerio Ruffo, n.1919.
Principe di Maletto don Michele Spadafora, Principe di Spadafora, n. 1937. [o discendenti di donna Francsca-Ippolita Monroy, n.1881, sp.1898 Giuseppe Cammarata (Camerata)].
Principe di Pantelleria +don Leopoldo Grifeo, m. ? [suoi figlie; o **Dona Maria-Luisa Truyols e Moragues]
Principe di Palazzolo Principe don Fabrizio Ruffo di Calabria, Principe di Scilla, n.1922.
Principe di Leonforte Principe don Alessandro Borghese, n.1924.
Principe di Carini  don Antonio Alex La Grua e Talamanca, n. 1905 (o suoi eredi feminile).
Principe di Castelnuovo don Corrado Valguarnera n.1934.
Principe di Campofranco Conte don Pietro Lucchesi-Palli n. 1943.
Principe d'Aragona don Francesco Burgio, n.1936.
Principe di Scordia il Principe di Butera.
Principe di Valguarnera il Principe di Villafranca.
Principe di Resuttano don Francesco di Napoli Rampolla, n. 1923.
Principe di Partanna don Mauro Turrisi Grifeo, n. 1927.
Principe di Malvagna ? estinto con don Antonino Migliaccio e Galletti, m.dopo 1848.
Principe di Calvaruso don Antonio Trigona, n. 1927.
Principe di Monforte don Federico Moncada, n. 1904 (o suoi eredi, discendenti di suoi fratelli).
Principe di Palagonia il Principe di Partanna.
Principe di Cassaro don Giovanni Angelo Borghese, n.1928.
Principe di Biscari don Giuseppe-Vincenzo Paternò Castello n.1908 (erede don Roberto Paternò Castello, n. 1945).
Principe di Mezzojuso ? estinto con don Francesco-Paolo Corvino, m. dopo 1813; declarato vacante 1848.
Principe di Montevago [donna Rosalia Gravina, n. ?]
Principe di Mirto [donna Caterina, nata dei marchesi Salvo Ugo delle Favare, sp.(1) il Barone di Casalgismondo, (2) il Principe di Valdina, Duca di Prato Ameno; erede suo figlio di (1), Rocco Camerata, Barone di Casalgismondo, n. 1946].
Principe di Galati don Antonio de Spucches, n. 1927.
Principe di Raffadali don Giovanni Tortorici Montaperto, n. 1928.
Principe di Militello don Gaetanoo Starrabba, Principe di Giardinelli, n. ?
Principe di Cerami +don Giuseppe Rosso, n. 1894 [al suo figlia Signora donna Elvira Prestifilippo, nata Rosso, n. 1919].
Principe di Campofiorito il Principe di Butera.
Principe di Aci S. Antonio e S. Filippo ? estinto con don Giuseppe Reggio, m. 1870 [don Lorenzo Pineyro e Escriva de Romani, Conde de Torralba de Aragon; o il Principe di Butera; o erede di don Paolo Reggio, dei principi d'Aci, m. 1943].
Principe di Sciara don Francesco Saverio Notarbartolo n. 1933.
Principe di Sant'Antonino don Girolamo Vannucci, n. 1947.
Principe di Comitini don Silvano Gravina Cruyllas, n. 1946.
Principe di Furnari don Francesco Notarbartolo, n. 1928.
Principe di Rosolini don Vettor Galletti, Principe di Fiumesalato, n. 1925.
Principe di Spadafora don Michele Spadafora, n. 1937.
Principe di Rammacca +don Pietro Gravina, n.1897 (al suo erede maschile).
Principe di San Teodoro Marchese don Gregorio de Gregorio, n. 1923.
Principe di Belmonte don Gaetano Hardouin-Monroy Ventimiglia, n. 1924.
Principe di Ficarazzi ? estinto con don Domenico Giardina, m.dopo 1848.
Principe della Mola [don Ferdinando Stagno Villadicani, dei principi di Alcontres, n. 1939; donna Emanuela Mannamo e Mannamo]. 
Principe di Camporeale [don Paolo-Giuseppe Sallier de la Tour, dei principi di Castelcicala, n. 1928].
Principe di Castelforte [il Principe di Comitini].
Duca di Bivona [*don Manuel Falco e de Anchorena, Duque de Fernan Nunez, Grande di Spagna, n. 1936; don Fernando Alvarez de Toledo, n. 1934].
Duca di Castrofilippo don Girolamo Fatta del Bosco, Principe di Belvedere, Marchese di Alimena, n. 1940.
Duca di Palma + don Giuseppe Tommasi, Principe di Lampedusa, m. 1958.
Duca di Reitano + don Giovanni-Antonio Colonna (Romano), Duca di Cesaro, n. 1878 [? succede discendente di sua figlie donna Simonetta o di Mita, o del figlia del suo nonno, donna Eleonora n. 1807, moglie di Cav. Gioacchino Spinelli, Barone di Scala].
Duca di Montagnareale + don Luigi Vianisi, m. 1990 [erede suo figlia, donna Anna Maria Vianisi, n. 1944].
Duca di Piraino [+ don Alberto Denti-Amari, Principe di Castellazzo, n. 1886].
Duca di Serradifalco don Alberico Lo Faso, n. 1935.
Duca di Sperlinga ? estinto con don Giuseppe Oneto, Principe di San Bartolomeo, m. dopo 1848 [ha lasciato due figlie, Aloisa e Marianna, morte s.p.].
Duca di Gualtieri Duca don Giuseppe Avarna, n. 1916.
Duca di Misterbianco don Alberto Trigona, n. 1928.
Duca di Cesaro il Duca di Reitano.
Duca di Carcaci Duca don Gaetano Paternò Castello, n. 1923.
Duca di Castelluzzo ? estinto con don Francesco Agraz e Termine, m. dopo 1848.
Duca d'Acquaviva don Luigi Oliveri, riconosciuto 1934.
Duca di San Giacomo Villarosa don Gian-Francesco Notarbartolo n. 1932.
Duca di Sorrentino don Antonio de Gregorio, Principe di S. Teodoro, n. 1923 [**Dona Dulce-Maria Chacon e Jorge, Condesa de Gibacoa].
Duca di Vatticani ? estinto con don Ferdinando Termine, m. dopo 1859.
Duca di Bronte Rt.Hon. Alexander Nelson Hood, Visconte Bridport, Pari del Regno Unito di Gran Bretagna, n. 1948.
Marchese di Marineo [Carlo Ruggero Pilo-Baci, Conte di Capaci, n. 1951].
Marchese di Giarratana ? estinto con don Girolamo Settimo, Principe di Fitalia, n. 1846, m. dopo 1910 [? succede sua sorella donna Maria-Felice][il Principe di Spadafora].
Marchese di Sambuca il Principe di Camporeale.
Marchese di Montemaggiore con Biscardo don Biagio Licata, Principe di Baucino, n. 1947.
Marchese di Santa Croce ? estinto con donna Marianna Celestri e Gravina, Baronessa d'Alia, m. 1866.
Marchese di Sortino [Signora Elena Monteforte, nata Specchi 1922].
Marchese di Motta d'Affermo Ven. Bali Fra don Gabriele Ortolani, Principe di Torremuzza, n. 1907.[***Dona Dulce-Maria Chacon e Jorge, Condesa de Gibacoa]. 
Marchese di Tortorici-Li Graniti + donna Isabella del Castillo, marchesa di San Isidoro, m. dopo 1849; al sua sorella donna Rosa, sp. 1849 Filippo de Cordova e Curti.
Marchese di Roccalumera don Alberto Stagno, Principe di Alcontres.
Marchese di San Cataldo il Principe di Rosolini [Principe di Fiumesalato].
Marchese di Ogliastro ? estinto con don Antonio Parisi, Principe di Torrebruna, m. 1848.
Marchese di Lucca don Alessandro Mastrogiovanni-Tasca, Principe di Cuto (n. 1906).
Marchese di Capizzi don Benedetto Paternò Castello, n. 1930 [***Dona Dulce-Maria Chacon e Jorge, Condesa di Gibacoa].
Marchese di Mongiuffi-Mella e Kaggi + don Vincenzo Loffredo-Calcagno, Duca di Ossada, n. 1860 m. ?
Marchese di Camporotondo ? estinto con don Ignazio Lucchesi Palli, m. dopo 1848.
Marchese d'Alimena [don Girolamo Fatta del Bosco, Duca di Castrofilippo, Principe di Belvedere].
Marchese di Murata la Cerda + don Fulco Santostefano, n. 1898 [erede Nobile Luisa Lequio di Assaba, n. 1926].
Marchese delli Bagni don Giuseppe Daniele, n. 1879.
Marchese di San Ferdinando ? estinto con don Pietro-Antonio Rostagni, m. dopo 1848.
Marchese di Marianopoli seu delli Manchi di Bilici don Giuseppe Paternò-Alessi, n.1925.
Conte di Modica [Dona Maria del Rosaro Fitzjames Stuart e Silva, Duchessa di Alba de Tormes, Grande di Spagna; o Don Jacopo Fitzjames Stuart e Gomez, Duca di Penaranda de Duero, Grande di Spagna].
Conte di Naso ? estinto con don Bernardo Joppolo, m. dopo 1813, declarato vacante 1848.
Barone della Ficarra + don Salvatore Mosto (Musto), Marchese di Lungarini, n.1878, con discendenti.
Barone di Castania il Principe di Monforte.
Barone di Santo Stefano di Mistretta [+ donna Maria-Carolina Trigona, dei principi di S. Elia, n. 1896; o Pier Marino Albanese, figlio di donna Giovanna Albanese, nata Trigona].
Barone di Tripi don Giuseppe Merlo, Marchese di S. Elisabetta, n. 1929.
Barone di Longi il Marchese di Mongiuffi-Melia e Kaggi.
Barone di Pettineo don Vincenzo Paternò-Ventimiglia-Lanza-Filingeri-Vanni, Marchese di Regiovanni, n. 1923.
Barone di Prizzi il Principe di Roccafiorita.
Barone delli Martini don Francesco Sabatini, Principe di Santa Margherita, n. 1931.
Barone di Rocca + donna Casimira Valdina in Attanasio (Atenasio), m. dopo 1848; [Francisco de' Francisco Furno Valguarnera, Barone di Caruso, n. 1914].
Barone di Godrano don Ruggero d'Ondes, Duca dell'Isola, n. 1914.
Barone di Casalnuovo Balì Conte don Carlo Marullo di Condojanni, n. 1947 (con titolo di Principe, creato di Re Umberto II 1977).
Barone di Vita don Vito Sicomo, n. 1939.
Barone di Tusa ? estinto con don Orazio La Torre, m. dopo 1848.
Barone di Piana di San Carlo don Onofrio Maccagnone, Principe di Granatelli, n. ?
Barone di Vallelunga don Francesco Paolo Papè, Principe di Valdina, n. 1942.
Barone di Kaggi [il Principe di Galati].
Barone di Baucina ? estinto con don Matteo Calderone, m. dopo 1848.
Barone di Ferla ? estinto con don Francesco Tarallo, Duca di Miraglia, m. dopo 1848.
Signore di Gallidoro il Principe di Paternò.
Barone di Riesi seu Altaviva + Principe don Lodovico Pignatelli-Gonzaga-Aragona-Cortes, Conte di Fuentes & Grande di Spagna, n. 1878, m. ?; [don Antonio Pignatellli de Aragon e Burgos, Conte di Fuentes e Grande di Spagna].
Barone di Mancipe e Passarello o Villadoro ? estinto con don Gesualdo d'Onofrio, m. dopo 1848 [o ? succede rappresentante dal linea ultragenito Nobile Italo d'Onofrio, n. 1923].
Barone di Campobello + donna Marianna Sammartino, duchessa di Montalbo, n. 1847, sp. Nicolo Filippo Mule, figlio di Giovanni [al sua figlia Chiara, Signora di Balatazzi, n. 1868, sp.     ...... Alu; o erede sua sorella donna Maria Felicia, n. 1854, sposata Giovan Battista Chianello, erede suo figlio Stefano Chianello Di Maria Zappino, cambiato a Boscogrande, con figli].
Barone di Melinventre seu Catenanuova [il Principe di Aci; o il Principe di Butera].
Barone di Villasmundo [Marchese don Consalvo Paternò Asmundo delle Sciare, n. 1943].
Barone di Castelnormando [il Principe di Campofranco].
Barone di Giardinelli [il Principe di Castelnuovo].
Barone di Pachino il Principe di Militello.
Barone di San Pietro don Mario Clarenza, Principe di Santa Domenica, n. 1902 [? erede suoi sorelle Lucia, Concettina, Giovanna, Amelia].
Barone d'Aliminusa + don Angelo Milone, n. 1883.
Barone di Villalba don Stefano Palmeri, Marchese di Villalba n. 1929.
Barone di S. Cono don Salvatore Trigona, n. 1939.
Barone di S. Giuseppe-Villaurea ? estinto con don Francesco de Michele, m. dopo 1848.
Barone di Santo Stefano di Briga il Principe di Galati.
Barone di Belvedere o Carancino + don Placido Bonanno e Bonanno, Barone di Rosabia, m. dopo 1848.

PARIA DI 12 LUGLIO 1814

Barone di Priolo don Gioacchino Gargallo, Marchese di Castel Lentini, n. 1923.

 

Contacts Royal Deputation

  |  

Sitemap

  |  

Links

  |  

Guestbbook

  |  

Webmaster

  |  

Contacts Royal Deputation

  |  

Sitemap

  |  

Links

  |  

Guestbbook

  |  

Webmaster

  |  

You are here:  >> Magazine